IRRISOLTO IL DRAMMA DEL PRECARIATO

 “Il decreto approvato in via definitiva alla Camera non servirà a diminuire il numero dilagante dei precari, che si avvia a raggiungere quota 200mila, né ad avviare e a snellire le procedure concorsuali, i cui tempi di svolgimento si annunciano biblici come sempre”. Così Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta il provvedimento che questa mattina è stato convertito in legge con il voto finale dell’Aula di Montecitorio.

“La situazione del precariato è drammaticamente più grave di quanto appaia: da un’elaborazione effettuata dal nostro Dipartimento Precari sui dati forniti ai sindacati dal ministero dell’Istruzione per il confronto sui nuovi concorsi, – spiega Di Meglio – si desume che, sulla base della distribuzione geografica e professionale delle attuali graduatorie, su più di 60.000 posti vacanti e disponibili per l’immissione in ruolo della scuola secondaria, solo 14.500 sono le nomine effettivamente realizzabili.

Le altre sono impraticabili per mancanza di graduatoria, o per mancanza di posti per quelle classi di concorso dove ci sono ancora candidati. Ed è difficile credere che questi posti saranno assegnati con la cosiddetta ‘chiamata veloce’ che presupporrebbe un esodo massiccio di docenti da una regione a un’altra. Uno scenario – evidenzia il coordinatore nazionale della Gilda – che non sembra plausibile anche in virtù del vincolo quinquennale”.

“Quanto, poi, ai poteri commissariali conferiti ai sindaci in materia di edilizia scolastica – conclude Di Meglio – temiamo che non saranno affatto risolutivi perché senza le necessarie risorse economiche i cantieri da autorizzare saranno ben pochi”.

Roma, 6 giugno 2020


Leggi sorgente originale

Via Antonio Michele Gazano 2, 09129 - Cagliari
Contattaci!
Telefono: 0702082423